Tiscali, la meraviglia archeologica di Sardegna

Se siete appassionati di archeologia ed escursioni, il sito archeologico di Tiscali, in Sardegna, è una meta a dir poco obbligata. Nei dintorni di Nuoro, fra Dorgali e Oliena, sorge il monte Tiscali che custodisce, nel suo ventre, un insediamento di cui oggi rimangono resti frammentari ma di alto valore. I sentieri da percorrere non sono facili da affrontare, ma il contesto selvaggio del territorio rende questa una vera e propria avventura alla scoperta di una Sardegna segreta e antica.

Tiscali, la meraviglia archeologica di Sardegna:

 

Tiscali, un villaggio antico nella roccia

In una dolina all’interno del monte Tiscali, in Sardegna, è custodito un tesoro di rocce calcaree molto antico. Nascosto in una grotta, circondato dalle asperità e dal volo degli uccelli rapaci, può essere raggiunto solo affrontando un percorso difficile e faticoso. Non un’esperienza adatta ai neofiti, ma che ripagherà gli sforzi.

Si tratta di un sito archeologico risalente in popoli nuragici dell’Età del Bronzo, vissuti circa nel VI secolo a.C. e frequentato almeno fino all’Alto Medioevo. Si tratta di un insediamento civile in una grotta formatasi dal crollo di una parte della montagna e abitato dalle popolazioni di Sa Sedda ‘e Sos Carros. Fu utilizzato come rifugio dalle invasioni romane fino al II secolo e come nascondiglio per agguati rapidi e sicuri.

Scelto probabilmente per gli aspri sentieri da percorrere e dalla non facilità d’accesso, si possono ancora individuare dei luoghi di raccolta dell’acqua che lasciano supporre che questo sito fosse abitato per lunghi periodi di tempo. All’interno tende a formarsi un microclima favorevole: caldo d’inverno e fresco d’estate. Erano stati realizzati anche magazzini e recinti per custodire animali, vista l’intensità attività agricola e pastorale della Valle di Lainattu.

Si possono notare due gruppi di capanne, diverse per dimensione e strutture. Un gruppo ha prevalentemente abitazioni di pianta circolare, nell’altro invece sono più numerose abitazioni di pianta rettangolare o quadrangolare.

 

Il percorso ai fianchi della montagna

Per raggiungere la dolina che ospita il villaggio occorre affrontare un percorso di trekking molto impegnativo, di circa un paio d’ore. Un’escursione raccomandata a chi ha già esperienza e in compagnia di apposite guide.

Il monte Tiscali, con i suoi 500 metri, separa i versanti di Oliena e Dorgali. Si può raggiungere la sommità dell’altura da entrambe le direzioni e in due percorsi differenti, ugualmente faticosi.

Se arrivate da Dorgali dovrete fiancheggiare il fiume Flumineddu fino alla scala di Surtana, che porta in cima al monte. Da Oliena, invece, bisogna passare per la sorgente del Golgone e la valle di Lanaittu fino a imboccare un sentiero molto ripido e poco agevole. Preparatevi a percorrere in fila indiana una sporgenza stretta per raggiungere la sommità della montagna e, quindi, la dolina.

 

Se siete rimasti affascinati da questa meraviglia archeologica non vi resta che organizzare il vostro viaggio in Sardegna e avventurarvi sul monte Tiscali. Con il nostro comparatore di traghetti online potrete confrontare le tariffe e gli orari disponibili per le tratte verso la Sardegna. Vi manca solo mettere lo zaino in spalla e partire.

 

 

Photo Credits
Foto di Roberto Mura da Wikimedia

Articoli correlati

10 Giugno 2024

Posti da Visitare

La costa sud-ovest della Sardegna: Viaggio alla scoperta di Galleria Henry

30 Maggio 2024

Posti da Visitare

Le più belle spiagge della costa est della Sardegna

9 Maggio 2024

Posti da Visitare

Viaggio ad Atzara, borgo incantevole dell’entroterra sardo

Viaggia in Sardegna con TraghettiPer, prenota online il traghetto e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni