Traghetti dal porto di Piombino: informazioni e collegamenti con la Sardegna

Il porto di Piombino grazie alla sua ubicazione strategica è il terzo porto italiano, dal quale partono ogni giorno numerosi traghetti per la Sardegna. Collocato in posizione centrale, è facilmente raggiungibile in auto, treno o autobus. Le tratte principali sono Olbia e Golfo Aranci, servite dalle compagnie Moby e Corsica Ferries.

Nel periodo di bassa stagione il collegamento è sempre garantito anche se il volume delle corse viene intensificato durante l’alta stagione, con partenze dalle ore 8:00 alle ore 22:00 circa.

Porto di Piombino

Acquista il biglietto per la Sardegna dal porto di Piombino

Acquistare online i biglietti dei traghetti per la Sardegna è semplicissimo: basterà utilizzare il nostro sistema di prenotazione online e compilare tutti i campi richiesti.

I biglietti possono essere spediti via mail (biglietti stampabili) oppure via posta ordinaria pagando un supplemento. Per qualsiasi necessità e per avere maggiori informazioni, si può contattare il nostro call center al numero 0565 960130, attivo da lunedì a sabato nell’orario dalle ore 9:00 alle ore 20:00.

Imbarcare o sbarcare auto e passeggeri al porto di Piombino

Il passeggero con veicolo è tenuto a presentarsi al molo di imbarco circa due ore prima della partenza. Il personale della compagnia effettua i controlli, quindi il consiglio è di tenere sempre a portata di mano sia il biglietto sia un documento di identità valido. Solo il conducente può guidare il veicolo all’interno del traghetto. Tutti i veicoli imbarcati devono essere lasciati chiusi, con la prima marcia innestata e con il freno di stazionamento azionato.

I passeggeri senza veicolo dovranno utilizzare la scala laterale e mostrare il biglietto al check-in. Solitamente, è vietato accedere al garage della nave durante la navigazione.

Se all’arrivo, per le condizioni del mare o per altre cause indipendenti dalla volontà della Compagnia, non fosse possibile lo sbarco dei veicoli, si procederà allo sbarco non appena le condizioni lo permetteranno.

Compagnie dal porto di Piombino per la Sardegna

Le compagnie di navigazione che collegano il porto di Piombino alla Sardegna:

  • Moby;
  • Corsica Ferries.

Come raggiungere il porto di Piombino

È possibile raggiungere facilmente il porto di Piombino in auto, in aereo, in autobus e in treno.

Come arrivare al porto di Piombino in auto

I collegamenti con le principali arterie di comunicazione, sia nazionali sia europee, avvengono tramite la strada statale 398 (SGC Variante Aurelia), ad alta viabilità, che collega Piombino al Corridoio Toscana–Lazio (E 80) a al Corridoio dei due mari Toscana–Umbra–Marche (E 78).

Come arrivare al porto di Piombino in treno

È inoltre possibile raggiungere comodamente Piombino anche in treno. La stazione ferroviaria di Piombino Marittima si trova direttamente di fronte agli imbarchi, a pochissima distanza dalla Stazione Marittima.

Come arrivare al porto di Piombino in aereo

La città non possiede un aeroporto. Gli aeroporti più vicini sono Pisa, a 84 chilometri di distanza, e Firenze, a 112 chilometri di distanza.

Come arrivare al porto di Piombino in autobus

Molte compagnie di pullman garantiscono il collegamento tra Milano-Piombino e Firenze-Piombino e viceversa.

Indirizzo del porto di Piombino

L’indirizzo del porto di Piombino è Piazzale Premuda, 57025 Piombino (LI).

Parcheggi per le auto

A disposizione di coloro che raggiungono il porto con il proprio veicolo esiste un parcheggio a lunga sosta che si trova nelle immediate vicinanze del porto. Si tratta di un parcheggio abbastanza capiente, ma non vi garantiamo che troverete posto nei weekend estivi. Ai camper non è consentito sostare sul parcheggio lunga sosta.

Servizi del porto

Il porto di Piombino offre ufficio informazioni, edicola, bar ristorante, pizzeria, servizi vari. Adiacente alla Stazione Marittima, si trovano un parcheggio gratuito per brevi soste e uno per lunghe soste.

La storia del porto

Sorto per trasportare il ferro proveniente dall’Elba, si sviluppò notevolmente grazie alla nascita dei vicinissimi impianti siderurgici. Ricostruito dopo la seconda guerra mondiale, incrementò considerevolmente il suo traffico durante gli anni Sessanta, quando si sviluppò il turismo di massa verso l’isola d’Elba.

Le tratte attive dal porto