Arzachena: mare, storia e incanto

Nella parte nord-orientale della Sardegna, a 25 chilometri da Olbia, si trova un vasto territorio dove paesaggi marini sorprendenti, siti archeologici antichissimi e colline costellate di vigneti si incontrano: Arzachena. Dagli anni Sessanta dello scorso secolo, Arzachena ha conosciuto un vero e proprio boom turistico, divenendo, grazie alla Costa Smeralda, una celebre tappa del turismo di lusso. Laddove un tempo sorgeva un piccolo centro urbano, oggi è un pullulare di boutique e botteghe artigianali, strutture ricettive luxury, scorci da sogno, spiagge esclusive e locali glamour.
Curiosità e informazioni utili:

 

Arzachena: un salto nella storia

Arzachena non è solo mare e lusso. È un luogo che attraverso varie testimonianze racconta una storia antichissima. Tra queste, c’è Il Fungo, in pieno centro storico, una roccia naturale che è stata modellata dal tempo e dagli agenti atmosferici, usata sin dal Neolitico recente. Nelle campagne circostanti, si trova un grande parco archeologico, il cui sito più famoso è la necropoli di Li Muri, realizzata intorno alla fine del IV millennio a.C. Dell’età del bronzo è il nuraghe Albucciu attorno a cui si trovano i resti di un villaggio e, a una distanza di circa ottanta chilometri, la tomba di Giganti Moru. Poco distante, il tempietto di Malchittu, che veniva utilizzato per cerimonie rituali. Tappa imperdibile è La Prisgiona nella valle di Capichera, sito caratterizzato da un villaggio di circa cento capanne e da nuraghe trilobato. E poi, per finire, le due tombe di Giganti, costruite in varie fasi tra Bronzo antico e medio: la tomba di Coddu vecchiu con una stele alta ben quattro metri e la tomba di Li Lolghi, interamente in granito, con camera sepolcrale ed esedra lunghe.

 

Arzachena: cosa fare?

Per scoprire il territorio di Arzachena sono varie le attività da scegliere: gite in canoa o in bici, percorsi benessere o di trekking, whale watching, degustazioni di vino (il famoso vermentino), passeggiate lungo la Strada panoramica di Micalosu (strada che collega Arzachena e il litorale di Cannigione) e, ancora, laboratori artigianali di ceramica, visite ai musei, come quello tessile di Aggius. Se si vuole godere della limpidezza delle acque di questo lungo tratto di costa, ben ottantotto chilometri, da non perdere le spiagge di Liscia Ruja, Mannena, del Grande Pevero, di Romazzino, di Capriccoli, di Poltu li Cogghji.

Verifica tutte le disponibilità giornaliere per raggiungere la Sardegna in traghetto.

 

Photo Credits:
Foto Laura Mor su pexels.com

Articoli correlati

10 Giugno 2024

Posti da Visitare

La costa sud-ovest della Sardegna: Viaggio alla scoperta di Galleria Henry

30 Maggio 2024

Posti da Visitare

Le più belle spiagge della costa est della Sardegna

9 Maggio 2024

Posti da Visitare

Viaggio ad Atzara, borgo incantevole dell’entroterra sardo

Viaggia in Sardegna con TraghettiPer, prenota online il traghetto e risparmia

Metodi di pagamento
Certificazioni