Arbatax: l’edizione 2014 della festa di Stella Maris

Stella Maris Arbatax 2014Come impone quella che ormai è diventata una tradizione consolidata questo sentito evento religioso si terrà la terza domenica del mese di luglio. Un appuntamento che coinvolge non soltanto gli abitanti del luogo ma in generale tutta l’Ogliastra, e anche molti turisti. Persone che si daranno appuntamento ad Arbatax in occasione dell’edizione 2014 della festa di Stella Maris, che si terrà il 18-19-20 luglio.

Il momento più importante della festa è rappresentato da domenica 20 luglio. Giorno durante il quale si svolgerà la processione che parte dalla chiesa di Stella Maris. Durante tale processione la statua della Madonna sarà portata per le strade di Arbatax, strade che per l’occasione saranno abbellite con addobbi floreali.

Processione che arriverà al porto di Arbatax, dove verrà celebrata la Santa Messa. E alla fine del rito religioso la statua della Madonna sarà posta su una grande barca appositamente allestita per l’occasione. Peschereccio che poi, accompagnato da altre imbarcazioni, alla conclusione dell’Eucaristia partirà per i tradizionali tre giri del porto, prima di rientrare sulla terraferma.

Tre giri che saranno accompagnati dalle musiche eseguite dalla banda musicale. Arrivati al tramonto si assisterà anche al lancio in mare della corona di fiori. Da questo momento in poi la festa di Stella Maris si sposta tra le strade del centro abitato di Arbatax. Festa che si conclude a mezzanotte con lo spettacolo di fuochi pirotecnici sul mare.

Anche se il 20 luglio è il giorno più importante della festa di Stella Maris 2014 ad Arbatax, anche il 18 e il 19 luglio sono tutti da vivere: durante questi giorni sarà organizzata tutta una serie di eventi, con spettacoli, manifestazioni ed esibizioni musicali; e sempre durante questi due giorni sarà possibile assaggiare cozze e pesce fritto, due specialità della zona. Una festa che non è soltanto un grande momento religioso ma anche sociale, sicuramente tra i più caratteristici della Sardegna.

 

Fonte immagine: it.wikipedia.org

Articoli correlati