Non solo mare: a Porto Torres e dintorni c’è ancora tanto da scoprire

Porto Torres e dintorniRinomata località balneare. Ma Porto Torres è anche tanto altro. È storia, cultura, natura. È un luogo per vacanze all’insegna del relax, dell’arte, dello sport. Basta solo sapere cosa c’è da vedere e da fare a Porto Torres e dintorni.

La città – Porto Torres è un luogo ricco di cose da vedere. Un luogo con una storia antica, con tante inestimabili testimonianza storiche. Tra i luoghi da non perdere ci sono il ponte romano, Turris Libisonis, la basilica di San Gavino, le Terme Maetzke e le Terme Pallottino, la celebre Domus dei mosaici.

Le spiagge – Come già detto, Porto Torres è una delle più rinomate località marittime di tutta la costa nord della Sardegna. La spiaggia più celebre è sicuramente quella di Balai, una piccola insenatura delimitata da una serie di insenature rocciose. Ma ci sono anche Scogliolungo, Acque Dolci, Renaredda, Farrizza. Tappe immancabili di un viaggio in estate, anche in inverno sono da vedere.

Asinara – Consigliata per gli appassionati di trekking, l’Asinara è una piccola quanto celebre isola da esplorare durante tutto l’anno. I sentieri e i percorsi che la attraversano sono numerosi, e passano per domus de janas, tratti di costa a picco sul mare, fiumi, sorgenti. Uno dei punti più belli è il faro di punta Scorno. E passeggiando è possibile ammirare gli asini bianchi da cui l’isola prende il nome.

I nuraghi – Nieddu (all’interno della zona industriale di Porto Torres), Biunisi (sulla vecchia strada che da Porto Torres arriva fino a Stintino), Monte Elva (sulla cima dell’omonima collina), Margone (ancora sulla strada che porta fino a Stintino): questi sono i quattro più importanti nuraghi di Porto Torres, preziose testimonianze della sua ricca e affascinante storia.

Domus de janasSu Crucifissu Mannu è una necropoli ipogeica, raggiungibile dalla strada provinciale 25. L’intero sito archeologico, che si trova a metà strada tra Sassari e Porto Torres, è composto da almeno 22 domus de janas, tombe scavate nella roccia calcarea del terreno. È uno dei più importanti siti archeologici del suo tipo dell’intera Sardegna.

Porto Torres e dintorni riservano davvero tanto da vedere. Non resta che organizzare per tempo il proprio viaggio in traghetto e visitare tutti questi luoghi.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/a_decouvrir

Articoli correlati