Trascorrere la Pasqua 2017 in Sardegna: ecco 3 (ottime) idee per voi

Pasqua 2017 in Sicilia

Ormai non manca molto alla Pasqua 2017. E, per quest’anno, state pensando di concedervi un viaggio di qualche giorno per staccare un po’ dal quotidiano trantran. La meta che vi piacerebbe visitare è la Sardegna? In questo caso, abbiamo tre ottime idee che vi permetteranno di organizzare il viaggio nel modo migliore e visitare una delle isole più belle del Mediterraneo.

 

1. La Pasqua delle tradizioni

La Pasqua è uno dei momenti dell’anno durante i quali la devozione e le religiosità del popolo sardo raggiungono il loro apice. In particolare, nel periodo pasquale hanno luogo diversi riti, usanze e tradizioni che sono rimasti immutati, letteralmente, per secoli.

Esattamente come la Settimana Santa a Cagliari, che nel 2017 si svolgerà dal 9 aprile (Domenica delle Palme) al 16 aprile (Pasqua). In particolare, i tre giorni più significativi della Settimana Santa nel capoluogo sardo sono tre:

  • Venerdì Santo;
  • Sabato Santo;
  • Domenica di Pasqua.

 

2. La Pasqua del relax

A vostra disposizione ci sono almeno tre giorni, da venerdì 14 aprile (sera) a lunedì 17 aprile (Pasquetta). Tre giorni che potete dedicare, unicamente, a ritemprare lo spirito e il corpo. Dove? In una di queste quattro località: Sardara, Fordongianus, Benetutti e Casteldoria.

In altre parole, queste sono le quattro più importanti terme della Sardegna. Qui potrete trovare trattamenti di vario tipo. Alla fine di questi tre giorni, vi sentirete come nuovi.

 

3. La Pasqua sulle isole

Ci sono diverse (e splendide) isole che circondano la Sardegna. In particolare, per questo viaggio di tre giorni e organizzando bene la vacanza, potrete visitarne due, entrambe a poca distanza dalla costa nord dell’isola:

In entrambi i casi, scoprirete dei luoghi incontaminati che vi lasceranno a bocca aperta, specialmente quando i colori e i profumi della primavera danno il meglio di sé.

 

Ecco le nostre tre idee per trascorrere la Pasqua 2017 in quest’ambita isola. Adesso, vi resta soltanto una cosa da fare: prenotare in tempo i biglietti dei traghetti per la Sardegna.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/fmarco76

Articoli correlati