Ogliastra: alla scoperta delle 7 spiagge più belle (e non solo)

spiagge Ogliastra

Sono degli autentici gioielli naturalistici incastonati lungo la costa est della Sardegna. Luoghi completamente incontaminati e dalle acque limpide, per una vacanza dedicata al più totale relax. Relax e tranquillità da assaporare sdraiati sulle più belle spiagge dell’Ogliastra.

 

Le spiagge…

  1. Cala Luna. Una delle più celebri dell’intera Sardegna. Nomea giustamente meritata, grazie alle sue acque blu cobalto, alla sabbia candida, al boschetto di oleandri, alle numerose grotte che si aprono lungo la costa e che possono essere meta per escursioni in barca. Cala Luna può essere raggiunta da Arbatax o da Santa Maria Navarrese, tramite visite guidate in barca o seguendo un sentiero per il trekking.
  2. Cala Sisine. Una piccola spiaggetta che si apre tra due costoni di roccia sormontati da una verdeggiante macchia mediterranea: questa è cala Sisine, con le sue acque dai toni cangianti, dall’azzurro al turchese. Via mare la si può raggiungere da Arbatax o da Santa Marina Navarrese, in alternativa bisogna percorrere un sentiero di trekking abbastanza lungo.
  3. Cala Biriola. Uno strapiombo roccioso e un fitto bosco di lecci sovrastano quella che sicuramente rientra tra le spiagge più belle del’Ogliastra. Si tratta di una lingua di calcare finissimo, impreziosita dalla presenza di un arco di pietra. Spiaggia raggiungibile via mare con escursioni in barca guidate da Arbatax e Santa Maria Navarrese, oppure tramite un sentiero che parte dall’altopiano di Golgo.
  4. Cala Mariolu. È anche chiamata Ispuligidenie, termine che in lingua sarda significa “pulci di neve”. Nome che deriva dai piccoli sassolini bianchi e lisci che compongono questa spiaggia. Dall’acqua inoltre emergono rocce calcaree. Un luogo del genere è raggiungibile solo via mare, con un mezzo proprio o con escursioni in barca che partono da Arbatax e da Santa Maria Navarrese. In alternativa si può seguire un sentiero abbastanza lungo che parte dall’altopiano del Golgo.
  5. Cala Goloritzè. Si trova nel territorio comunale di Baunei ed è una delle più belle spiagge dell’intera Sardegna. Cala Goloritzè, oltre che per la bellezza del luogo, è caratteristica per il pinnacolo di 143 metri che sovrasta la spiaggia. L’arenile è composto da sabbia bianca, sul lato destro si apre un arco di pietra, e in un anfratto tra le rocce sgorga una sorgente d’acqua dolce. Cala Goloritzè la si può raggiungere via mare con un mezzo proprio o seguendo un sentiero che parte sempre dall’altopiano del Golgo.
  6. Porto Frailis. Un’insenatura di sabbia argentea tra i graniti della costa dell’Ogliastra, riparata dai venti delimitata da scogli piatti a nord e a sud: la baia di Porto Frailis la si raggiunge da Arbatax, seguendo le indicazioni per la spiaggia.
  7. San Gemiliano. Una baia che si estende per circa due chilometri intorno all’omonimo golfo, circondata da una fitta vegetazione di macchia mediterranea e dominata dall’alto dalla torre di San Gemiliano. Baia che si trova poco al di fuori dell’abitato di Arbatax provenendo da Tortolì.

E ci sarebbero ancora da citare Tancau, Cea, Su Sirboni, Coccorrocci, Foxilioni, Lido di Orrì. Ma senza voler far torto a nessuno quelli appena indicati sono i lidi da non perdere durante una vacanza in Sardegna.

 

…le grotte…

E dopo aver visto le spiagge? La vacanza non finisce certo qui. Perché ci sono le grotte dell’Ogliastra da vedere: Su Marmuri, del Fico, Taquisara e Su Meraculu sono altrettante idee per delle escursioni che vi lasceranno a bocca aperta.

 

…e il territorio

A questo punto, il modo migliore per concludere la vacanza è completare una sorta di tour delle cose da vedere nelle regione dell’Ogliastra: scoprirete un autentico mondo dove a farla da padrona è la natura in tutta la sua bellezza.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/stmsat

Articoli correlati