Diving in Sardegna: le immersioni più belle

immersioni in SardegnaUn mare limpido e ricco di vita. Con fondali variegati, tutti da esplorare. Questo è il sogno per tutti gli appassionati di diving. E c’è un posto che può offrirvi proprio questo: è la Sardegna. Basta soltanto sapere quali sono i punti più belli per fare immersioni.

Tavolara – Una splendida idea per un’escursione da Golfo Aranci potrebbe trasformarsi in un’occasione d’oro per immergersi nel mare di questo lato della Sardegna. I fondali intorno all’isola di Tavolara sono un susseguirsi di grotte, frane sottomarine, anfiteatri naturali, canyon.

Cagliari – Non poteva mancare il capoluogo sardo nella lista delle immersioni più belle della Sardegna. Nei pressi di Cagliari i punti migliori per immergersi con muta e bombole sono le spiagge di Quartu Sant’Elena e del Poetto, e i promontori di Capo Teulada, Capo Carbonara e Sella del Diavolo. Per i più esperti ci sono anche quattro immersioni in relitto.

La Maddalena – Una delle isole più belle dell’intero Mediterraneo, e il mare che la circonda non è da meno. Scogli, secche e picchi sottomarini rendono i fondali di questa zona molto variegati, tutti da esplorare. Il Parco nazionale arcipelago de La Maddalena è consigliato anche per un po’ di “semplice” snorkeling.

Santa Teresa di Gallura – Ci si sposta nella parte nord della Sardegna. I punti migliori di Santa Teresa di Gallura per fare immersioni sono Capo Testa e Secca Lavezzi. Capo Testa è caratterizzato dalla presenza di grandi massi che formano scenari unici. Invece la Secca Lavezzi, nel bel mezzo delle Bocche di Bonifacio, è conosciuta soprattutto per la grande ricchezza di vita sottomarina.

Asinara – Ancora nella Sardegna del nord, di fronte a Porto Torres. Cala Reale, con il suo Giacimento archeologico subacqueo, è sicuramente l’immersione più suggestiva. Ma non è l’unica: intorno all’Asinara altri punti per immersioni sono Cala Tumbarino, Punta Agnadda e Punta Pedra Bianca.

Messa in valigia tutta l’attrezzatura per immersioni? Allora adesso non vi resta che organizzare il vostro viaggio in Sardegna.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/liffu

Articoli correlati