Is Animeddas e Su Mortu Mortu: questo è Halloween in Sardegna

Halloween in SardegnaPer i sardi non ci sono dubbi: la festa di Halloween è nata in Sardegna. Si tratta di una ricorrenza molto antica, importante e sentita, le cui radici affondano nella notte dei tempi.

Una festa che assume nomi diversi in base alla zona dell’isola in cui ci si trova. Ad a esempio nella Sardegna del nord Halloween si chiama Is Animeddas. Invece nella Sardegna del sud la festa di Ognissanti assume il nome di Su Mortu Mortu. Ma al di là del nome con cui viene chiamata, ci sono diverse corrispondenze tra la festa sarda e quella anglosassone.

Come l’usanza per i bambini piccoli di andare di casa in casa a chiedere frutta secca e dolci, minacciando marachelle nei confronti degli sprovveduti padroni di casa che si fossero rifiutati (come nel più conosciuto “dolcetto o scherzetto”). O come la tradizione, in alcune aree della Sardegna, di intagliare le zucche e di inserire all’interno una candela.

Ma c’è un altro aspetto della festa di Ognissanti in Sardegna, e stavolta è tipicamente sardo: durante la vigilia di Ognissanti veniva lasciata una cena di maccheroni fatti a mano, un bicchiere di vino e una brocca d’acqua; messe in tavola senza posate, i defunti si rifocillavano con tali vivande, pasteggiando alla luce di un lumicino a olio.

Halloween in Sardegna è un misto di antico e moderno, tradizione e costumi. Un appuntamento da vivere in tutto il suo suggestivo e ancestrale fascino.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/joeshlabotnik

Articoli correlati