Escursione a Caprera alla volta della casa di Garibaldi

Casa di GaribaldiUn semplice edificio costruito in granito e intonacato di bianco. La facciata dell’abitazione è rivolta a ovest, e in essa si apre un portale archivoltato. Anche la struttura dell’edificio è semplice: a pianta quadrangolare, è composta da camere in successione che si sviluppano intorno a un vano centrale. Questa è la casa di Garibaldi, sull’isola di Caprera.

Anche detta “Casa bianca”, questo edificio fa parte del compendio Garibaldino. Un’area relativamente vasta, proprietà dello Stato italiano e adibita a museo. Un sito che raccoglie, tutela e protegge tutti i luoghi importanti dove Giuseppe Garibaldi, l’Eroe dei due mondi, visse gli ultimi anni della sua vita sull’isola di Caprera. Un’ottima idea per un’escursione da Golfo Aranci.

Sono diverse le stanze che compongono la casa di Garibaldi a Caprera: l’atrio, dove campeggia un ritratto dell’Eroe dei due mondi; la camera da letto matrimoniale; la stanza da letto del figlio Manlio; la camera da letto della primogenita Clelia; la cucina con il grande camino in pietra; la cosiddetta stanza dei cimeli che raccoglie dipinti, abiti e oggetti vari appartenuti a Garibaldi; il salotto, e vicino a esso la stanza dove l’Eroe dei due mondi morì.

Attraversare le stanze che compongono la Casa bianca è un po’ come ripercorrere l’intera storia di Giuseppe Garibaldi. Negli ambienti infatti sono custoditi e tenuti quadri, abiti, armi, oggetti di vita quotidiana, fotografie, arredi originali, divise, suppellettili.

Per raggiungere la casa di Garibaldi, dopo essere sbarcati dal traghetto a Golfo Aranci, bisogna raggiungere Palau (in auto la distanza si copre in pochissimo tempo) e da qui prendere un nuovo traghetto in direzione de La Maddalena. A questo punto si prende il ponte che collega La Maddalena con l’isola di Caprera. Subito dopo il ponte il visitatore entrerà direttamente nella pineta di Caprera e troverà tutte le indicazioni per poter raggiungere agevolmente la casa di Garibaldi.

 

Fonte immagine: flickr.com/photos/dalbera

Articoli correlati