Carnevale 2016 in Sardegna: cultura e tradizioni in 3 importanti eventi

Carnevale 2016 in Sardegna

Cultura, tradizioni e riti ancestrali: il Carnevale in Sardegna è soprattutto questo. È come fare un autentico viaggio nel tempo. È come scoprire l’anima più vera, antica e affascinante di questa grande terra. Un’anima antica che si conserva nei 3 eventi più importanti del Carnevale sardo: il Carnevale tempiese, il Carnevale di Mamoiada e Sa Sartiglia.

 

1. Il Carnevale tempiese

I giorni clou del Carnevale tempiese 2016 saranno il 7 febbraio (domenica) e il 9 febbraio (Martedì grasso). Un evento che di solito dura 3-4 giorni interamente dedicati ai colori, alla musica, al divertimento. E alle maschere tradizionali del Carnevale tempiese, come Ghjolghju Puntogliu (una enorme maschera che raffigura il potere) e la Réula (le schiere dei morti).

 

2. Il Carnevale di Mamoiada

Probabilmente è il più affascinante e caratteristico di tutti. Il Carnevale 2016 di Mamoiada gira tutto intorno alla sfilata di Mamuthones e Issohadores: i Mamuthones sono maschere dai lineamenti rozzi, vestite di pelli e campanacci; gli Issohadores sono vestiti con maschera e pantaloni bianchi, corpetto rosso e Sa Berritta.

Di antichissime origini, durante la sfilata gli Issohadores conducono i Mamuthones come se fossero una sorta di mandria. Uno spettacolo unico nel suo genere.

 

3. Sa Sartiglia

Sa Sartiglia 2016 comincia ufficialmente il 2 febbraio, il giorno di Candelora, con la benedizione dei ceri. Domenica 7 e martedì 9 febbraio sono i giorni della Corsa della stella e delle Pariglie, organizzate dal Gremio dei contadini e dal Gremio dei calzolai. Il tutto secondo un autentico rito che, stando alla tradizione, è rimasto invariato fin dal 1543, anno in cui Sa Sartiglia fu istituita.

 

Scelto il vostro appuntamento per vivere il Carnevale 2016 in Sardegna? Allora adesso non vi resta che prenotare in tempo il viaggio in traghetto.

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/steci86

Articoli correlati