Bitti: tra storia e natura, la prima tappa di Autunno in Barbagia 2015

Autunno in Barbagia 2015: Bitti

La bellezza della natura, l’incanto e le suggestioni della storia. Una storia antica come la sua cultura. E poi, questo è un luogo dove ancora oggi sopravvivono le tradizioni artigiane della Sardegna. In altre parole, Bitti ha davvero tutte le caratteristiche per essere, dal 4 al 6 settembre, la tappa iniziale di Autunno in Barbagia 2015.

 

Bitti

La natura è la principale attrazione che Bitti può offrire a tutti i suoi visitatori. Questo piccolo centro abitato si trova in una zona dove ci sono oasi naturali ricoperte da rigogliose foreste, con scenari incantevoli fatti di picchi granitici, cascate, laghetti. L’intero territorio è attraversato da tanti sentieri, consigliati agli appassionati di trekking.

A Bitti sono attive ancora oggi alcune piccole botteghe artigiane: ceramica, ferro battuto, cuoio, legno, intarsio e tessitura. Non mancano nemmeno antichi siti archeologici, come il misterioso complesso di Romanzesu, il villaggio-santuario, il pozzo sacro. Tra gli edifici religiosi, anch’essi numerosi, spicca la  chiesa parrocchiale intitolata a Santu Jorgi (San Giorgio Martire), risalente al Medioevo.

 

Come arrivare

Il principale centro abitato nelle vicinanze di Bitti è Nuoro. Per arrivare da Nuoro, dovete soltanto prendere la strada statale 389 e seguire le indicazioni per Bitti. Il viaggio in auto dura circa mezz’ora.

Mentre i due porti turistici più vicini a Nuoro sono quelli di Arbatax e Olbia: in entrambi i casi, per arrivare a Nuoro ci vuole circa un’ora di auto.

 

Maggiori informazioni

Per maggiori informazioni su Autunno in Barbagia 2015 a Bitti (programma completo, eventuali modifiche di date e di orari), potete consultare questi due siti:

 

Fonte immagine: Flickr.com/photos/omiz

Articoli correlati